Appunti

Taccuino digitale #1 – Libra ha aperto gli occhi agli Stati. Il legislatore difensore del digitale come “commons”

La guerra delle monete digitali (tra Stati e privati)

“Uno dei meriti di Libra è che ha spinto molte banche centrali nelle economie avanzate ad accelerare i loro programmi per fornire valute digitali al dettaglio. Ma questa battaglia non riguarda solo i benefici della creazione di denaro; si tratta in definitiva della capacità dello Stato di regolare e tassare l’economia in generale e della capacità del governo degli Stati Uniti di utilizzare il ruolo globale del dollaro per far avanzare i suoi obiettivi politici internazionale.”

Les Echos  (via Mèta-Media)

Il legislatore come “architetto” della casa comune digitale, braccio “armato” della società.

“Questo concetto di “regolamentazione in base ai dati” è stato recentemente oggetto di un approccio comune da parte di otto autorità di regolamentazione francesi. Presuppone che siano disponibili le informazioni pertinenti e quindi che il regolatore disponga di poteri vincolanti in questo settore. In questo senso, siamo ben oltre l’autoregolamentazione, che ha mostrato i suoi limiti.”

Usbek e Rika (via Mèta-Media)

Chaitin e la preveggenza dell’algoritmo.

“Quando Chaitin formulo’ la sua teoria dell’informazione algoritmica, negli anni ‘60 del Novecento, le sue tesi avevano la fragranza del nuovo e nessuno pensava che “algoritmo” sarebbe diventata la prima parola ossessiva dell’incombente millennio e che l’ “ informazione” ne sarebbe stata l’occhiuta sovrana. Come a volte – raramente- accade, una teoria scientifica era anche l’avvisaglia di una mutazione antropologica”.

(R. Calasso, L’innominabile attuale) via Massimiliano Fasoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *